Sony, Samsung, Panasonic: tutti sulle tracce della Hybrid Tv

Mentre si evolvono i contenuti e le modalità di fruizione della televisione, la tecnologia fa passi da gigante verso frontiere sempre più innovative. Un ottimo esempio è l’Hybrid Tv. Una piattaforma di ultima generazione in grado di accedere a digitale terrestre, satellite in chiaro, via cavo (usatissimo nel Nord Europa) e Iptv.
Nata dal lavoro di HbbTv (Hybrid broadcast broadband Tv), l’equipe paneuropea che ha fissato le specifiche adottate dai televisori e set-top box che ne supportano le funzionalità, la Hybrid Tv vanta un’interfaccia, gestibile dal telecomando, da cui accedere alla gallery di contenuti. Un’ampia offerta di canali multimediali in streaming e accesso a qualsiasi pagina Internet (è sufficiente realizzare un widget e aggiungerlo, o scaricarlo, nella gallery). I contenuti sono gratuiti, come nel caso dei social network o alcuni tipi di videogiochi, e a pagamento, come nel caso di film on demand ed eventi premium, tra cui giornali e riviste. Oggi predominano i contenuti free offerti su Facebook, Youtube, Skype e Twitter, gli album fotografici di Picasa e alcuni canali tv trasmessi anche online, come History Channel e SkyMeteo24.
La strada delle partnership tra i colossi dell’elettronica, broadcaster e produttori di contenuti è aperta: è il caso di Qriocity della Sony, ma anche Internet@tv per Samsung o Euronews e Eurosport per il Viera Cast di Panasonic e Acetrax, movie-store on demand scelto da Samsung e Panasonic.

L’innovazione tecnologica sta legando la sua forza al contenuto?

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...