#Cultural Shock format #crossmediale


                                         
Cultural Shock e’ un progetto molto interessante e vogliamo segnalarvelo per tre validi motivi: l’idea ( di certo brillante ed educativa ), la crossmedialita’ e (stranamente) il suo poco successo.
Cultural Shock e’ un programma educativo, solidale, un viaggio ed uno scambio: un’opportunita’ per un cittadino italiano adottivo di scoprire la sua terra di origine, un viaggio verso le proprie radici condiviso con un compagno di viaggi di origine italiana .
Hai origini straniere e vuoi tornare la’ dove sono le tue radici?
Hai origini italiane e hai voglia di scoprire un altro Paese con qualcuno che viene da li’?
Queste sono le due domande base del programma, nato da un’idea di Davide Tosco e Massimo Arvatun e prodotto grazie alla sponsorizzazione di vari soggetti quali il Ministero dell’Interno, RaiScuola, RaiRadio3 ed il programma MEDIA dell’Unione Europea.
Un’altra particolarita’ di questo progetto risiede nella sua crossmedialita’: progetto che va a coinvolgere il web, la radio e la tv. Il web ha veicolato la parte casting iniziale e la selezione delle storie oltre che ad ospitare i video del viaggio stesso su un canale YouTube apposito. La radio e’ servita per i collegamenti in diretta ogni mattina (RaiRadio3) mentre la televisione si occupera’ di raccogliere e trasformare in un documentario tutto il materiale video che sara’ poi trasmesso su RaiScuola, portale di Rai educational.
Un programma unico nel suo genere – forse l’unico del suo genere e questo, probabilmente, e’ stato il motivo per cui il progetto e’ rimasto confinato nella nicchia dei protagonisti e di tutti quelli coinvolti nel progetto.
Cultural Shock rimane comunque un ottimo tentativo che potrebbe divenire "il pioniere", iniziando una serie di nuovi progetti che sappiano integrare radio,tv e web in maniera ottimale.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...