#Stuck, una #web fiction italiana, ma #english




Sempre in tema di web fiction italiane non potevamo non segnalarvi "Stuck - The Chronicles of David Rea"- dal titolo non si direbbe, ma Stuck è un progetto interamente made in Italy, ideato da Ivan Silvestrini che è regista e sceneggiatore della serie. Dovete sapere che la web fiction è girata tutta a Roma ma in inglese, scelta fuori luogo? Non si direbbe dai risultati. Siamo a quota 50mila visualizzazioni (del primo episodio) a poche settimane dal lancio del progetto. Ancora più curioso il fatto che le puntate sono state viste per il 70% dagli Stati Uniti - successo internazionale?!

Stuck viene definita web serie "low budget",  bisognerebbe capire che cosa si intende per low budget visto la qualità delle immagini, inquadrature, musiche, per non parlare di un cast di tutto rispetto. Stuck parla essenzialmente di limiti, quelli che ci auto infliggiamo spesso essendo artefici delle nostre difficoltà, barriere  "apparentemente" insormontabili. Una parte di noi è il nostro peggior nemico, così si potrebbe riassumere il "sentiment" della web fiction. Stuck racconta la storia di David Rea - interpretato da Riccardo Sardonè - che da emotional trainer cerca di risolvere,  disinnescare i blocchi psicologici dei propri pazienti.
Prima serie italiana in lingua inglese Stuck è divertente, ironica, arguta ed intelligente e la lingua inglese ha contribuito al farla diventare tale - ma tranquilli,  la serie è sottotitolata in italiano.
"Where did you get stuck?" - " Dove ti sei bloccato?", ecco il mantra della web fiction - niente di più attuale.
La vera sfida sarà trovare gli sponsor per    una seconda serie. Il talento e la passione non bastano. Se il livello di "ascolti" continua a crescere come previsto non sarà difficile trovare chi sia disposto a finanziare la continuazione del  progetto.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...